viet_vo_vao_new_athletic

logo_vietvodao

l termine Viet Vo Dao può essere tradotto letteralmente in:

viet
vo
dao

VIET: Trascendente superiore (usato nell’espressione “SIEU VIET”, indica inoltre il nome del popolo vietnamita)

VO: Arti Marziali.

DAO: la VIA. L’insieme dei principi della vita e della saggezza che conducono ad uno scopo supremo.

Quindi, il termine Viet Vo Dao può essere interpretato come “la Via dell’Arte Marziale Vietnamita” o “La Suprema Via dell’Arte Marziale”. 
Il Viet Vo Dao non è solo un’insieme di tecniche, ma un movimento il cui scopo è contribuire in modo determinante alla crescita morale e spirituale dei propri praticanti.
Un praticante di Viet Vo Dao deve “Essere forte per essere utile”. 
Essere forte fisicamente, intellettualmente e moralmente. Per poter essere utile a sé stesso, alle persone che gli stanno vicino e alla società in generale. 
In questo modo egli darà un contributo al miglioramento e al progresso della società, e in sintesi a migliorare la vita delle persone.
Per questo i Vo Sinh (praticanti) devono, non solo allenarsi con costanza e assiduità, ma anche studiare e fare propri i principi filosofici che stanno alla base del Viet Vo Dao.

Oggi in Europa, e in particolar modo in Italia, il Viet Vo Dao rappresenta la sintesi moderna delle più tradizionali e antiche scuole di Arti Marziali Vietnamite. Questo grazie al continuo e instancabile lavoro dei Maestri Nguyen Van Viet (direttore tecnico della Federazione Viet Vo Dao Italia), Nguyen Thien Chin (direttore tecnico Piemonte), Bao Lan (direttore tecnico Veneto e Lombardia) i quali a partire dal 1991 hanno ripreso i contatti e gli scambi tecnico-culturali con i Maestri delle Scuole Vietnamite riuniti nella Federazione Arti Marziali Tradizionali Vietnamite (Lien Doan Vo Thuat Co Truyen Viet Nam).

Ogni simbolo racchiude dentro di sé i significati profondi di ciò che rappresenta. Il nostro stemma non si sottrae a questa regola e nonostante non vi siano rappresentati Draghi, Leoni, Pugni, Spade, ecc. ha un significato molto articolato bello e profondo. Vediamone assieme i vari aspetti.

IL CERCHIO che racchiude il distintivo, simboleggia il cerchio della vita e rappresenta l’universo.

IL QUADRATO posto a rombo, rappresenta le quattro direzioni (nord, sud, ovest, est). E’ inoltre una figura geometrica regolare, come regolare deve essere la vita del praticante.

IL BAMBU’ rappresenta la flessibilità, la rettitudine, il disinteresse.

I CARATTERI che compongono la scritta Viet Vo Dao, sono caratteri “ARMONICI”, ossia, vi si trovano lettere formate da tratti duri e tratti più morbidi o rilassati.

I COLORI corrispondono a cinque caratteri o modi di essere, che il praticante deve sviluppare :
ROSSO = Coraggio
GIALLO = Generosità
BIANCO = Purezza
NERO = Serietà
VERDE e AZZURRO = Speranza, Bontà (bontà non limitata a generosità, ma bontà di cuore)

Se si vive rispettando, in ogni azione, i cinque colori del Viet Vo Dao e di conseguenza il loro rispettivo significato, è impossibile non riuscire nella vita.

Mentre in Vietnam il termine Viet Vo Dao indica il Vo Vi Nam (fondato dal grande Maestro Nguyen Loc), in Europa acquisito un significato diverso.

IN FRANCIA
Il Viet Vo Dao è infatti il risultato del primo tentativo di unificazione delle varie scuole di Arti Marziali Vietnamite presenti in Francia, che fino a ad allora non avevano alcun riconoscimento da parte delle autorità Francesi.
E cosi, nel 1973 nasce, ad opera dei Maestri Nguyen Dan Phu, Bui Van Thinh, Nguyen Trung Hoa, Hoang Nam, Tasteyre Tran Phuoc, Phan Hoang (attualmente residente in Canada e Presidente della Federazione Internazionale), Pham Xuan Tong (poi Fondatore del  Qwan Ki Do) la Federazione Francese di Viet Vo Dao, che poi si trasformerà nell’International Viet Vo Dao.
Il programma tecnico terrà quindi conto della provenienza dei singoli stili che hanno contribuito a fondare il Viet Vo Dao in Europa con un impatto importante ma non esclusivo del Vo Vi Nam.
Negli anni 80 i Maestri francesi si separarono tornando ad insegnare ognuno il proprio stile, o fondando un nuovo stile, ma ormai il Viet Vo Dao era nato e destinato a camminare con le proprie gambe al di là delle intenzioni dei fondatori.

E IN ITALIA
Anche in Italia i Maestri vissero la crisi innescata in Francia, ma i risultati furono per fortuna meno traumatici. Infatti dal  nucleo originario dei Maestri (Nguyen Van Viet, Tran Ngoc Dinh , Nguyen Thien Chin, Ngo Quoc Viet, Bao Lan) si staccarono i Maestri Tran Ngoc Dinh (Milano, poi fondatore della Scuola Viet Anh Mon), e Ngo Quoc Viet (Milano).
Fu cosi che nel 1980 fu fondata a Roma la Federazione VVD Italia, che ancora oggi riunisce i propri praticanti  sotto il simbolo storico e con il tradizionale Vo Phuc (kimono) nero.

ATTIVITA’ FEDERALI
Nel Viet Vo Dao, oltre le normali attività di palestra vi sono delle importanti attività federali momento di incontro e di crescita di tutti i praticanti.

La Festa Tradizionale
Si svolge tutti gli anni verso la fine di Aprile. E’ sicuramente l’appuntamento più prestigioso e rappresentativo del Viet Vo Dao in quanto si festeggia la fondazione dell’Arte Marziale Vietnamita che corrisponde alla fondazione del Vietnam (2879 A.C.) onorando l’imperatore Hung Vuong 1° . In effetti sotto la dinastia degli Hung Vuong (2879-258 A.C.) l’arte marziale vietnamita, come la medicina tradizionale, si strutturarono contemporaneamente alla filosofia.
In occasione della Festa Tradizionale si svolge l’esame federale per le cinture nere, alle quali viene poi consegnato il grado dai Maestri durante una solenne cerimonia in presenza di tutti gli allievi e istruttori. La festa si conclude con un torneo tecnico, nel quale i praticanti di ogni regione esprimono, con l’esibizione di Qyuen (forme) e Song Luyen (combattimenti prestabiliti) le migliori capacità tecniche acquisite.

Lo Stage Estivo
Nel nostro modo di vivere l’Arte Marziale grande importanza viene data alla creazione di amicizia e simpatia tra allievi di diverse regioni d’Italia e di altri Paesi europei. Quale modo migliore se non miscelando momenti di duro lavoro durante gli allenamenti con momenti di svago di scherzo e di gioco in spiaggia o la sera dopo cena?
Nello stage estivo c’è tutto questo: gli allenamenti con maestri diversi dal tuo che ti insegnano cose nuove dandoti la possibilità di vedere le più diverse sfaccettature del Viet Vo Dao; la possibilità di avere un confronto tecnico con allievi di diverse provenienze; la bellezza di condividere in tanti momenti di duro lavoro alternati a momenti di divertimento puro.

ATTIVITA’ DI PALESTRA
Il corso per bambini.
Il Viet Vo Dao è un’arte marziale molto fluida e completa e si presta quindi anche all’insegnamento ai bambini.
Nel corso a loro dedicato si dà molta importanza non tanto all’apprendimento delle tecniche in sè, ma della capacità di coordinare i movimenti con facilità, grazia ed eleganza.
Si fanno effettuare ai bambini  i percorsi più vari con salti, capriole, rotolamenti, abbinando il lavoro al divertimento. In secondo luogo l’allenamento alla parte più marziale insegna la concentrazione e la consapevolezza del movimento tramite il suo controllo e l’utilizzo corretto della respirazione.